Chi sono

Riccardo Esposito è nato a Capri il 25/03/81. A 21 anni si iscrive alla Facoltà di Scienze della Comunicazione e sceglie il percorso “Analisi dell’industria Culturale”. Dopo tre anni consegue la laurea triennale con una tesi in Antropologia Culturale (prof. Massimo Canevacci) dal titolo “Sincretismi musicali. Il berimbau attraverso i suoi itinerari diasporici”.

 La tesi è stata pubblicata sul sito Anthropos, piattaforma multimediale on line dedicata all’approfondimento delle materie antropologiche. Nel corso degli ultimi due A.A. è stato borsista ADISU e vincitore di premio di laurea per aver conseguito il titolo nei tempi previsti.

Nell’A.A. 2004/05 si iscrive al corso di laurea specialistica in  Teorie della comunicazione e ricerca applicata, indirizzo Ricerca Applicata ai Media. Partecipa al corso di SPAD, il programma di analisi multivariata dei dati statistici, e inizia a acquisire le competenze per l’utilizzo del software di analisi testuale Lexico.

Nell’A.A. 2006/07 consegue il titolo di laurea magistrale con una tesi in Media Research,  relatore prof. Michele Sorice, dal titolo “Simboli Apparenti. Ricerca qualitativa sull’estetica dell’iPod”. Voto finale: 110 e lode.

riccardo-esposito

Durante la seduta di laurea

L’elaborato – che attraverso osservazione partecipante e interviste semistrutturate indaga sulla dimensione estetica del’iPod nel contesto urbano –  è stato pubblicato dal Crisc-Cmcs del dipartimento Media e Studi Sociali (ora Mediaresearch). Per entrambi gli A.A. A.A. della laurea specialistica è stato borsista ADISU.

Ricerche ed esperienze didattiche

Durate gli anni accademici 2003/04 e 2004/05 ha collaborato  con la cattedra di Comunicazione mediata dal computer del prof. Arturo di Corinto e ha partecipato alla realizzazione della prima edizione (2006) del seminario “Introduzione a GNU/Linux e al Software Open Source”.

Nel 2006 ha partecipato al gruppo MediaDiet.com, coordinato dalla cattedra del prof. Mario Morcellini. L’attività di ricerca ha avuto come scopo quello di individuare, tramite una metodologia di tipo quantitativo, il mutamento del rapporto tra gli studenti di Scienze della Comunicazione e i media nel corso dei cinque anni di studio.

I risultati di questo lavoro, derivati dall’analisi dei 500 questionari somministrati,  sono stati presentati al COM – PA 2006 (Salone Europeo della Comunicazione Pubblica, dei Servizi al Cittadino e alle Imprese) di Bologna.

Nel 2007 è stato selezionato, insieme agli altri nove studenti del Gruppo Kuoiwo, dalla cattedra di Antropologia Culturale del prof. Massimo Canevacci per partecipare ad una esperienza etnografica presso la popolazione indigena Bororo, Mato Grosso, Brasile. Nel dicembre dello stesso anno, ha trascorso cinque giorni presso l’aldeia di Garças (Barra do Garças, Mato Grosso, Brasile), raccogliendo dati e sperimentando le tecniche dell’etero e auto rappresentazione.

Il 5 marzo 2008  ha presentato, insieme agli altri componenti del Gruppo Kuoiwo, nell’aula magna della sede di Scienze della Comunicazione, il seminario “Frammenti Etnografici. Esperienze mix – mediali di un gruppo di studenti in un villaggio bororo”, proposta didattica della cattedra di Antropologia Culturale gestita, sia a livello istituzionale che didattico, dai componenti del gruppo di ricerca.

Nel corso del seminario (tenutosi tra maggio e giugno del 2008 ) ha presentando due lezioni, una su Lévi – Strauss e l’altra sul rapporto tra emotività ed etnografia.

Il 6 maggio 2008, insieme ad altri cinque studenti, si è recato a Tokyo per collaborare ad alcune lezioni del prof. Massimo Canevacci presso la Musashino Art University,  e ha curato le riprese video del seminario –  performance “Sandmann”, sempre del  prof. Canevacci e di sua moglie Sheila Ribeiro, tenutosi il 10 maggio al teatro Super Deluxe di Tokyo.

Nel giugno 2009, insieme ad altri studenti e collaboratori di cattedra, presenta il seminario Polifonie antropologiche: smarrimenti metropolitani tra performance e postcoloniale, approfondimento della metropoli comunicazionale e riflessione di nuovi possibili scenari/fieldworks dell’antropologo. In particolar modo si è occupato, insieme a Luca Spano, della lezione Tokyo City Scape incentrata sull’analisi antropologica della metropoli giapponese e della preparazione dei video presentati a lezione

Collaborazioni

Ha collaborato con la cattedra di Antropologia Culturale della facoltà di Scienze della Comunicazione, La Sapienza, Mediazone, la rivista scientifica della facoltà di Scienze della Comunicazione,  Comunitàzione, community dedicata alla comunicazione e al marketing, Anthropos, portale di approfondimento delle materie antropologiche, Comunicatori Pubblici, news e idee sulla comunicazione legate al COM-PA (Salone Europeo della Comunicazione Pubblica dei Servizi al Cittadino e alle Imprese). e Multiversi, rivista telematica di approfondimento universale.

Ha collaborato anche con ZON/A,  rivista e punto di discussione on line di antropologia, (ora chiuso) e alla rielaborazione della ricerca “Professioni e professionisti dell’audiovisivo. Passaggio al futuro” insieme al gruppo di ricerca che fa capo alla cattedra di Media e linguaggi digitali della prof.ssa Mihaela Gavrila, sempre presso la facoltà di Scienze della Comunicazione.

Pubblicazioni

  • Marzo 2008 – Il Crisc-Cmcs pubblica la sua tesi di laurea specialistica dal titolo “Simboli apparenti. Ricerca qualitativa sull’estetica dell’iPod”;
  • Giugno 2008 – Il portale di approfondimento delle materie antropologiche Anthropos pubblica la sua tesi di laurea triennale “Sincretismi musicali. Il berimbau attraverso i suoi itinerari diasporici”;
  • Aprile 2009 – La rivista cartacea Pagina Uno, bimestrale dedicato alla letteratura e all’analisi politica, pubblica un suo articolo relativo al processo di democratizzazione  del Kazakistan; pubblicazione per M@gm@,la rivista elettronica specializzata in approcci e metodologie qualitative, avente per oggetto la metodologia di ricerca utilizzata nel corso della tesi di laurea specialistica.
  • Maggio 2009 – La rivista Multiversi ha pubblicato un suo articolo relativo al mercato del pesce di Tsukiji, ripreso dall’esperienza etnografica in Tokyo con Massimo Canevacci.

Esperienze lavorative

Dal giugno 2006 fino al novembre 2008 ha lavorato con l’agenzia stampa Capripress, affiliata a numerose testate giornalistiche nazionali e non (Il Mattino, Ansa, Rai, Il Denaro). Si è occupato della stesura e correzione delle bozze, gestione del desk news, inviato sul campo, raccolta e modifica del materiale fotografico, comunicati stampa, editing, aggiornamento del sito.

Ha collaborarato con il quotidiano campano “Il Denaro” (nel giugno 2007 come inviato da Capri e nell’ottobre del 2006 e del 2007 in occasione del congresso della Confindustria che si tiene ogni anno presso l’hotel Quisisana, Capri) e con il Capri Art Film Festival 2009-2010 (referente Giuseppe La Femina) per la gestione della comunicazione online e diffusione dei comunicati stampa. Ha curato il coordinamento redazionale e l’editing del periodico Windows on Capri 2007 e 2008.

Dal novembre 2008 al gennaio 2012 ha lavorato presso la web agency Capri Online. Si è occupato di web copywriting, editing e ottimizzazione di article marketing, comunicati stampa e blog aziendale. Raccoglie i frutti delle sue esperienze lavorative in My Social Web.

Oggi è blogger e webwriter Freelance.

Contatti
Riferimenti