Rappresentare l’Interazionismo

Riccardo Esposito – Gli esseri umani, sostiene Blumer nel definire le linee guida del suo pensiero, agiscono nei confronti delle cose sulla base dei significati che tali cose hanno per loro; il significato di tali cose deriva dall’interazione sociale che il singolo ha con i suoi simili; questi significati sono trasformati ed  elaborati attraverso un processo interpretativo del singolo (Izzo A., 1994: 381). Ed è proprio con quest’ultimo passaggio che Blumer introduce uno dei concetti fondamentali per gli sviluppi dell’Interazionismo Simbolico, ovvero quello di “autoindicazione”, un processo attraverso il quale gli individui segnalano a se stessi lo stimolo e sempre a se stessi forniscono un’interpretazione del manifestarsi dello stimolo (Wallace A., Wolf A., 2000:226). Ma come viene messo in pratica questo processo di autoindicazione?

Leggi l’articolo su Mediazone