Quando il software Microsoft censura

Riccardo Esposito – Nell’ultimo mese sui vari blog dedicati alle nuove tecnologie appare in primo piano la notizia del nuovo brevetto Microsoft, relativo ad una nuova tecnologia capace di censurare eventuali parole sgradite pronunciate in diretta. Quindi, se fino ad oggi il classico ed anche un po’ fastidioso “beep” poteva essere applicato solo in differita, su materiali registrati, con questo nuovo software anche la diretta si può svolgere nella tranquillità e nel rispetto della sensibilità altrui. La tecnologia su cui si basa questa nuova soluzione, in effetti, era stata depositata presso L’United States Patent and Trademark Office (Uspto) dalla Microsoft già nel 2004, ma solo oggi è stata approvata e riconosciuta come escamotage capace di controllare, ed eventualmente oscurare, locuzioni in tempo reale. Il suo funzionamento si basa sostanzialmente sul confronto tra i fonemi contenuti nei dati audio in entrata e quelli che si riferiscono ad una sorta di elenco predefinito delle parole da evitare. La censura – effettuabile attraverso distorsione, beep o silenzio – scatta nel momento in cui i dati in entrata oltrepassano una certa soglia di somiglianza rispetto alle informazioni contenute nella lista delle espressioni non consone.

Leggi l’articolo su Comunitàzione